Se bastasse una sola canzone

Ci sono uomini che non pensano. Che non hanno mai imparato a costruire.

Ci sono uomini che non credono agli angeli. Uomini che non amano gli uomini. Che non credono a niente, né alla pace né alla guerra. E i segni che lasciano sprizzano cinismo. Sano realismo, lo chiamano loro.

Una canzone così li offende, questi uomini. La chiamano furbata, una volgare trovata pubblicitaria, la definiscono patetica. Macchiata di retorica scontata.

Ci sono stati uomini che hanno scritto pagine.

Ci sono poi gli uomini che pensano. Quelli a cui non importa niente di essere perfetti. Ci sono gli uomini che costruiscono. Quelli che credono. Uomini o angeli. E non sono stati mandati sulla terra per combattere una guerra. Loro no. La guerra non la volevano. E a volte la guerra li sceglie, loro malgrado.

Ci sono uomini innamorati della propria terra, feriti da un passato che ritorna, da una vita che li insegue, un destino che li afferra. E tuttavia il segno che lasciano è fatto di speranza. Di immaginazione. Di idealismo e voglia di cambiare. E a volte condannano, a volte perdonano. Perché in fondo lo sanno che

E’ nostra… la libertà di dire
Che gli occhi sono fatti per guardare
La bocca per parlare le orecchie ascoltano…

Non solo musica non solo musica

Non solo un genere di musica.

Ed è a questi uomini che una canzone del genere piace. Anzi. Se ne innamorano in un attimo. Perché non importa la ragione, non importa il pudore, ciò che conta è l’emozione. E non importa se la voce non va bene, se i dettagli non sono perfetti. Ciò che conta è dare un secondo di emozione. E che questa emozione sia buona, sia vera.
Perchè

gli uomini passano e passa una canzone
Ma nessuno potrà fermare mai la convinzione
Che la giustizia no… non è solo un’illusione.

 

Passano le parole, quello che vorremmo è che queste non passassero. Perché per più di tre minuti ci fanno sentire uomini. Di quelli che non hanno paura di essere derisi, guardati con sospetto. Di quelli che hanno il coraggio di camminare. Di costruire. E semplicemente. Di pensare. Perché puoi definirli patetici. Ma rimangono dei sognatori. Di quelli che si vede. Che son venuti su con troppo vento. E quel vento, grazie al cielo, gli è rimasto dentro.

Se bastasse una sola canzoneultima modifica: 2007-03-03T13:15:00+01:00da braineyeheart
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento